Nutrizione

Il test genetico per l’intolleranza al lattosio

intolleranza al lattosio



L’intolleranza al lattosio e i test per individuarla

Qual’è il miglior test per individuare l’intolleranza al lattosio?

 

Il nostro sistema digerente può digerire il latte materno o vaccino sino a circa 7 anni, ma alcuni neonati non lo digeriscono sin dalla nascita.

Dopo questo periodo l’enzima lattasi si addormenta, diventa quiescente e da qui iniziano i primi disturbi.

L’attività e la comparsa dell’enzima è:

non dimostrabile < 12a sett.

dimostrabile per il 30% alla 26a sett.

dimostrabile circa 100% nel periodo neonatale

declina tra il 2° – 7° anno sino ad arrivare all’ipolattasia dell’adulto.

Breath Test 

L’intolleranza al lattosio è riscontrabile con il Breath Test, ma non dice il tipo d’intolleranza.

La carenza dell’enzima lattasi è data dal deficit di Lattasi – Fluorizina – Idrolasi – LPH (gene) la sede sono i microvilli degli enterociti del piccolo intestino.

Questo enzima deve scindere il lattosio che non può essere assorbito dall’intestino, mentre possono essere assorbiti i suoi componenti primari che sono galattosio e glucosio.

In caso di mancata scissione il lattosio viene attaccato dai batteri e i microorganismi intestinali che lo fanno fermentare, quindi producono gas (idrogeno e metano) e richiamano acqua dando luogo a dissenteria.

Oggi in alternativa al comune latte e latticini, si possono trovare in commercio prodotti delattosati che però possono ridurre ancor di più quel poco che rimane del enzima lactasi 




“Lattofobia” e “Lattofilia”

La “Lattofilia” si verifica grazie ai batteri Lattobacillo Acidofilo e Streptococco Termofilo contenuti nei latte fermentato, che inducono ad una mutazione adattiva  e favoriscono la persistenza dell’ enzima Lattasi.

La “Lattofobia” è l’incapacità di “modificare i Geni” e quindi non avviene la mutazione.

La durata che l’enzima lattasi ha nel corpo umano è quindi regolata dai “geni”.

L’ipolattasia nell’adulto è associata al genotipo

C/C per il polimorfismo C/T – 13910 e quasi tutti genotipo G/G per il polimorfismo G/A – 22018 (Università di Helsinky)

Questi SNPs sono associati alla regolazione della trascrizione del gene LPH

Questi Polimorfismi (SNPS) non sono riscontrati nella deficienza congenita dell’enzima lattasi (CLD) che è ereditaria a trasmissione autosomica recessiva, che si manifesta sin dalla nascita.

I “geni” possono andare incontro al Polimorfismo in una variazione della popolazione di circa lo 0.05% ed una mutazione se la variazione genetica supera l’1%

Trasmissione

La trasmissione è ereditaria autosomica recessiva dal momento che è necessaria l’omoziogosi della variante C e sono affetti da “Intolleranza primaria da Lattosio” i portatori omozigoti con probabilità superiori al 95% .

Circa il 75% della popolazione mondiale perde l’enzima dopo lo svezzamento.

I rimanenti 25% sono “lattasi persistenti” o” Lattofili”

L’intollerante al lattosio dovrebbe sottoporsi al test del DNA per conoscere se ha o non ha la capacità d’indurre la mutazione genetica.

Ci sono persone intolleranti al lattosio che sono sempre alla disperata ricerca dell’alimento senza lattosio, ma ricordo i valori minimi in grammi di lattosio: non ci sono segni d’intolleranza sin a 2 g di somministrazione di lattosio e la cattiva digestione si ha se si superano i 6 g.

 



Letture e prodotti per approfondire l’argomento

Lactase DNATest genetico per la predisposizione all’intolleranza al lattosio.
Consente di determinare la predisposizione genetica all’intolleranza al lattosio in modo certo,semplice, non invasivo e sicuro.

Grazie alle dettagliate istruzioni e agli strumenti contenuti nel kit, può essere eseguito direttamente a casa propria o con l’ausilio del medico curante.

Modalità d’uso

Prelevare un campione di saliva attraverso il tampone buccale incluso nella confezione. Inviarlo al laboratorio di analisi, unitamente al documento di consenso alla privacy con le apposite buste preaffrancate.

Dal campione biologico, trattato in modo anonimo, un team di genetisti estrae il DNA sul quale viene effettuata l’analisi del “gene della lattasi”, coinvolto nell’intolleranza al lattosio.

Entro 15 giorni, viene spedito a casa, o presso lo studio del medico, un report personale con il risultato genetico sull’intolleranza al lattosio e l’interpretazione del genetista.

Consigli comportamentali e dietetici

In caso di forma non ottimale del gene lattasi, il report genetico fornisce consigli comportamentali e dietetici, indicazioni sull’utilizzo di Lactease, integratore alimentare di lattasi. In caso di forma ottimale del gene lattasi, è comunque possibile che si manifesti un temporaneo malassorbimento di lattosio, dovuto a un’intolleranza secondaria conseguente a enterite infettiva, malattia celiaca o patologia infiammatoria intestinale.

In questo caso il report genetico comprende indicazioni sulla gestione dell’eventuale deficit secondario di lattosio e sull’utilizzo di Lactease,integratore alimentare di lattasi

 

Test Autodiagnostico per Intolleranze Alimentari - Food DetectiveTest Autodiagnostico per Intolleranze Alimentari – Food Detective
Facile da utilizzare e con risultati immediatiCompralo su il Giardino dei Libri

Con poche gocce di sangue, in soli 40 minuti, si può verificare la presenza di intolleranze a 46 gruppi di alimenti, per un totale di 52 alimenti.

Il check up fornisce consapevolezza della qualità delle abitudini alimentari, identificando l’eventuale abuso di certi alimenti, utile punto di partenza per intraprendere un nuovo percorso alimentare.

Food Detective Test è in grado di analizzare la reazione che deriva dall’assunzione di cibi.

Cibi analizzati

Avena, grano, riso, mais, segale, grano duro, glutine, mandorle, fagioli brasiliani, anacardi, tè, noci, latte vaccino, uova intere, pollo, carne, agnello, manzo, maiale, mix pesce bianco (eglefino, merluzzo, platessa), mix pesce acqua dolce (trota, salmone), tonno, mix frutti di mare (gamberi, aragosta, granchi, cozze), broccoli, cavolo, carote, porri, patate, sedano, cetrioli, peperoni (vari colori), mix legumi (piselli, lenticchie), pompelmo, mix melone, arachidi, semi di soya, semi di cacao, mele, ribes nero, olive, arancio & limone, fragole, pomodoro, zenzero, aglio, funghi, lievito.

 

Intollerante al lattosio? LactoJoy rende i latticini di nuovo facilmente digeribili!

Alta attività enzimatica – grazie all’alto contenuto di enzimi lattasi presenti in LactoJoy, non è ne Il prodotto contiene solamente l’enzima lattasi e ingredienti vegetali. E’ privo di inutili additivi.

 

@DrTraverso   titolare del  Copyright 2015

Disclaimer

Fonte

 7 Miliardi di Diete  

How much lactose is low lactose?