Nutrizione

La Dieta Metodo GruppoIgA

La Dieta Metodo GruppoIgA

La Dieta Metodo GruppoIgA

La Dieta Metodo GruppoIgA, è l’acronimo di:

Gruppo Sanguigno di Peter d’Adamo

IgA Intolleranze Alimentari

Ig Indice Glicemico degli alimenti.

La Dieta Metodo GruppoIgA, creata nel 2005 non è una vera e propria dieta, è un metodo un alimentazione equilibrata che nel corso degli anni ha subito notevoli cambiamenti.

Questo metodo, non è solo una dieta dimagrante è depurativa, ma anche di mantenimento e prevenzione perché risolve i problemi legati all’alimentazione quali: ipercolestrolemia, ipertrigliceridemia, ed evita il diabete, 

La Dieta Metodo GruppoIgA, si sviluppa sulle basi della vera Dieta Mediterranea, riconosciuta dal Unesco:



Patrimonio immateriale dell’umanità”.

La Dieta mediterranea patrimonio dell'umanità
La Dieta mediterranea patrimonio dell’umanità

 

Gruppi Sanguigni

Peter D’Adamo, è l’ideatore assieme al padre James della “Dieta del Gruppo Sanguigno” ed è stato il primo a scrivere l’alimentazione in base ai Gruppi Sanguigni A B 0 AB

Molti altri hanno copiato e personalizzato questo metodo, ma il merito dello studio è solo suo e di suo padre.

Peter d’Adamo afferma che tra sangue, cibo e malattia, vi è una correlazione e che gli alimenti possono alterare il metabolismo da persona a persona a causa delle diversità dei quattro Gruppi Sanguigni.

Gli alimenti contengono delle “Lectine”, le quali si legano al globulo rosso, con un meccanismo biologico chiamato

“Linkage” provocando agglutinazione.

La Dieta Metodo GruppoIgA
La Dieta Metodo GruppoIgA



Allergie, intolleranze e sovraccarichi alimentari le differenze 

Le allergie sono stati patologici e l’allergene deve sempre essere allontanato dalla dieta della persona ammalata

L’intolleranza al glutine è differente dal allergia al glutine, provoca alla persona che ne soffre molti problemi, ma non interessa i villi intestinali i quali rimangono intergi e l’assorbimento delle sostanze nutritive non vengono compromesse.

L’intolleranza al lattosio è dovuta dalla mancanza dell’enzima che scinde il lattosio a livello intestinale.

I sovraccarichi alimentari sono differenti sia dalle allergie che dalle intolleranze.

Sono situazioni di malessere provocato da alimenti che hanno un riscontro solo con un disturbi vari che possono variare dal mal di testa, ai gonfiori addominali o degli arti, o all’aumento o diminuzione di peso o da problemi cutanei e così via.

Il sovraccarico al lievito è un esempio tipico.

Le persone che parlano molto e gli oratori, assumono i lieviti che sono presenti nell’aria e a fine giornata accusano gonfiori di pancia.

Si può essere anche in “sovraccarico” per alimenti mai assunti perché il nostro organismo non conosce l’alimento

Il “sovraccarico” ad un alimento si può verificare anche la ripetitività, dei nostri menù, abusando di alimenti che contengono gli stessi nutrienti ad esempio, pane, pizza, dolci, quindi i lieviti.



Indice Glicemico e Carico Glicemico

L’Indice Glicemico (I.G.) degli alimenti ci aiuta a capire l’orario più idoneo per l’assunzione.

Indice Glicemico di un alimento è la velocità con cui aumenta la glicemia dopo l’assunzione di 50 g di carboidrati.

Più l’Indice Glicemico è basso e più il nostro alimento non innalza la glicemia e quindi non ci creerà problemi durate la giornata con bruschi cali di zuccheri.

Assumendo minor quantità di alimenti ad alto Indice Glicemico avremo minor quantità d’insulina prodotta.

Molti autori asseriscono che attenersi solo al Indice Glicemico è fuorviante perché la cottura e la maturazione alterano questo dato.

Dicono anche che bisognerebbe attenersi ad un altro parametro che è il Carico Glicemico (C.G.) dell’alimento, dato dalla moltiplicazione dei carboidrati contenuti nel alimento per l’Indice Glicemico dell’alimento.

La persona che vuole seguire la dieta GruppoIga, si creerà la sua dieta con gli alimenti che preferisce presi dalle  4 tabelle di alimenti per la prima fase e  dalle 3 tabelle per il mantenimento.

Seguire la Dieta, Metodo GruppoIga, non solo apporta un beneficio psicofisico, la persona impara a abbinare i cibi più adatti per il proprio fisico e gli orari migliori per essere consumati.

.



(NB  Il testo italiano, ortografia e punteggiatura, non sono  perfetti perché sono adattati a Google Traduttore e Balabolka).

@DrTraverso  titolare del Copyright 2016

 

Disclaimer