Nutrizione

Il riso rosso fermentato e il colesterolo

Riso rosso fermentato




Gli studi scientifici sul riso rosso fermentato

Il riso rosso fermentato viene prodotto utilizzando una specie specifica di muffa ed è un prodotto della medicina tradizionale cinese (MTC).

La medicina tradizionale cinese, per le sue potenti proprietà benefiche, lo usa da secoli.

La produzione si ottiene coltivando il riso con vari ceppi del lievito Monascus purpureus .

Questo prodotto lo troviamo anche nella cucina cinese come ingrediente nella ricetta dell’anatra alla pechinese.

 

 

Riso rosso (fermentato da Monsascus purpereus) (Oryza sativaL.semi) tit. 5% Monacolina K (200mg); pullulano; Gamma Orizanolo (90mg)

Ubichinone (Coenzima Q10) 10 mg; Policosanoli titolati al 60% in octacosanolo (5mg)

Le statine e il riso rosso fermentato

Il riso rosso fermentato contiene il composto monacolina K, lo stesso principio attivo che si trova nei farmaci per abbassare il colesterolo come la lovastatina.

La monacolina K è chimicamente identica al principio attivo della lovastatina, un farmaco che riduce il colesterolo.

Viene spesso utilizzato come alternativa naturale per aiutare a ridurre i livelli di colesterolo e sostenere la salute del cuore.

Il colesterolo totale del 15% e il colesterolo LDL “cattivo” del 21% dopo due mesi di trattamento su 25 persone sono diminuiti rispettivamente del 15% e del 21%

79 persone che hanno assunto 600 mg di riso rosso fermentato due volte al giorno per otto settimane, hanno ridotto significativamente i livelli di colesterolo LDL “cattivo”, rispetto a un gruppo di controllo

Studi sull’uomo e sugli animali mostrano che il riso con lievito rosso può aiutare a ridurre i livelli di stress ossidativo e infiammazione nel corpo.




Indicazioni e controindicazioni

In commercio lo troviamo in forma di capsule o compresse e può essere in combinazione con altri ingredienti, come acidi grassi omega-3 o CoQ10

Il conteuto, può variare da 200 a 4.800 mg,  in genere contengono circa 10 mg di monacolina totale

Questo rimedio può causare problemi gastrointestinali, reazioni allergiche, tossicità epatica e problemi muscolari.

Non è raccomandato per le persone che assumono statine o donne in gravidanza o in allattamento.




@DrTraverso   titolare del  Copyright 2020

Disclaimer

Fonte

NCBI

NCBI

NCBI

NCBI