Allergie alimentariIntolleranze alimentari

Intolleranza ed allergia al glutine



Intolleranza ed allergia al glutine

L’intolleranza ed allergia al glutine sono due patologie completamente diverse.

Il glutine è nel frumento, avena, orzo, segale in concentrazioni diverse.

La celiachia o allergia al glutine o sensibilità al frumento è una patologia molto complessa ed a volte ingannevole.

Una persona può nascere celiaca o diventare celiaca con un iter molto lento.

Intolleranza ed allergia al glutine
Intolleranza ed allergia al glutine

 

La malattia può regredire, i sintomi scompaiono, per ricomparire dopo un tempo più o meno lungo.

Possiamo avere una forma Classica, Atipica, Silente, Latente e Potenziale.

I sintomi a volte sono immediati e gravi dimagrimento, carenze dei microelementi nutrizionali, la più frequente è la carenza di ferro, che crea anemia, inoltre carenza di calcio e magnesio che portano all’osteoporosi.

Il celiaco può essere predisposto anche altre malattie autoimmuni, neoplasie dell’intestino tenue ed ulcere nel ileo.

Negli ultimi tempi, oltre a numerosi casi di celiachia, si verificano casi d’intolleranza o sovraccarico a questo alimento.

Nel 1960  il frumento “Cappelli” era la base dell’alimentazione, ma era poco produttivo e così il Professore G.Tommaso Scarascia Mugnozza, nel 1974, con un gruppo di ricercatori del CNEN, espose questo frumento ai raggi gamma di un reattore nucleare, ottene una mutazione genetica.

In un secondo tempo venne incrociato con una varietà americana  per ottene un grano nano, resistente al vento ed alla pioggia, più produttivo e precoce.

Venne chiamato “Creso” e oggi è la base del 90% della farina che si usa in Italia ed Europa, questo prodotto non è un OGM, ma è irradiato.

Il Dr. Pecchiai, quaranta cinque anni fa ipotizzò che questa modificazione potesse portare ad una trasformazione della gliadina e quindi ad una “intolleranza” nei confronti del frumento modificato.

Tutto ciò dopo 30 anni si è verificato.

Trenta anni è una generazione ed il nostro intestino incomincia, allo scadere di questi anni, a dare sintomi d’intolleranza.

L’evoluzione e il tempo modificano i nostri geni adattandoli; non si può però pensare ad un’involuzione alimentare in maniera drastica ed immediata, i nostri geni non si adattano subito al cambiamento e di conseguenza, anche l’apparato digerente e tutti i sistemi vitali, non sono immediatamente pronti alla risposta.

Il tempo che intercorre tra una modificazione culturale è differente da una modificazione genetica.

Per meglio comprendere questo concetto di basilare importanza, ecco un esempio:

se noi scriviamo: 

I love New York ? 

il nostro cervello recepisce immediatamente il senso della domanda,

ma se noi scriviamo

I ♥ NY ?

il nostro cervello, in un primo momento lo deve elaborare, ma in breve tempo, lo riconosce come la scritta

I love New York ?,

quindi, la forma “contratta” è subito “metabolizzata”.

Nel caso del frumento, la contrazione e riduzione degli aminoacidi, a livello intestinale, non viene immediatamente metabolizzata, l’alimento non viene riconosciuto se non dopo generazioni, e questa modificazione può essere uno dei motivi di intolleranza ed allergia al glutine

L’ intolleranza ed allergia al glutine non è solo dovuta all’introduzione del frumento “nanizzato Creso”, ma anche alla farina Manitoba, ottenuta da più frumenti coltivati in Canada, ricca in proteine in particolare di gliadina e glutenina che compongono il glutine, per far si che la farina si gonfi meglio per la preparazione di pizze, dolci ed alcuni tipi di pane.

L’intollerante al frumento può tollerare le farine contenenti quantità inferiori di glutine come avena, orzo, segale, ma deve sempre tener presente la soglia limite, in particolar modo se in famiglia ha casi di celiachia.

Peter d’Adamo indica, le persone con il Gruppo Sanguigno 0, le più predisposte al intolleranza ed allergia al glutine

Le farine di riso, mais, tapioca, soia, grano saraceno, castagne e ceci non contengono glutine.

Al  intolleranza ed allergia al glutine è quasi sempre associata al intolleranza ai lieviti ed al lattosio.




NB  Il testo italiano non è perfetto perché è stato adattato a Google Traduttore e Balabolka.

 @DrTraverso  titolare del  Copyright 2016

Disclaimer

Fonte

7 Miliardi di Diete 

 

[:]