Nutrizione

La carne dei poveri

La carne dei poveri



La carne dei poveri: Pereskia aculeata

La carne dei poveri non sono solo i legumi, il mondo vegetale ci offre una pianta ricca i proteine la Pereskia aculeata.

La “carne dei poveri” in Brasile è la Pereskia aculeata (Miller) .

E’ conosciuta anche con svariati nomi, il più comune tra questi è “Ora-Pro-Nobis”, “Lobrobó”, “Orabrobó”, “Barbados gooseberry” questo vegetale si sviluppa in diversi tipi di suoli e clima.

Appartiene alla famiglia dei cactus e questo fa si che la pianta non ha bisogno di molta acqua per crescere.

Nella regione sudorientale del Brasile, è utilizzata in cucina, come pianta medicinale e come una siepe essendo un bellissimo ornamento.

L’Ora-Pro-Nobis ha dei piccoli fiori bianchi profumati, ricchi di pollini e nettari, che attraggono le api ed altri insetti.

I fiori fioriscono per un solo giorno da gennaio ad aprile (estate Brasile) e i suoi frutti, gialli e rotondi, sono prodotti da giugno a luglio (inverno Brasile) 

La carne dei poveri




Pianta Medicinale

Le foglie secche dell’ “Ora-Pro-Nobis” (OPN) vengono quindi utilizzate nella medicina popolare per preparare tè depurativi in caso di cistite ed ulcer

La Pereskia aculeata ha inoltre  proprietà analgesiche contiene alcaloidi alcaloidi tryptamina, mescalina, hordenina, lectina abrina.

La quantità di Calcio (Ca) è di 105 mg per 100 g e ha un basso tenore di Sodio (Na) 8,5 mg per 100 g.

La Pereskia aculeata è ricca in fibra 31,4 % quindi aiuta la digestione, la flora intestinale ed il transito evitando la stitichezza.  

Per il suo contenuto di proteine e vitamine (vitamina A, vitamina C e Acido folico) è conosciuta come la carne dei poveri. 



La carne dei poveri e la scienza

Gli studi delle foglie in Brasile mostrano un contenuto proteico del 18,95%, carboidrati 15,28% lipidi 4,01%  una digeribilità media dell’85,0% ed apportano 173,0 kcal

L'”Ora-Pro-Nobis” come la Moringa olifera, sono piante con un alto contenuto proteico, quindi possono essere utilizzate nelle diete vegane e vegetariane, ottime alternative alla soia.

Tra gli amminoacidi, il triptofano è il più abbondante (20,5% degli amminoacidi totali) 

I livelli della proteina, della lisina, del calcio, del fosforo e del magnesio sono superiori a quelli di cavolo, lattuga e spinaci.

Studi del 2016 presso il Dipartimento di Biochimica e Farmacologia della Scuola di Medicina e del Dipartimento di Gastroenterologia, Ospedale Università di Marília (UNIMAR), Marília, Brasile affermano che la farina di Ora-Pro-Nobis è efficace nella riduzione dell’ aumento di peso, grasso viscerale, livelli di colesterolo totale, trigliceridi, lipoproteine ​​a bassa densità, lipoproteina a bassa densità.

Uso in cucina

La farina può essere usata per preparare un pane proteico  “Pão de sal” o Pão Francês .
Le persone intolleranti al frumento  la possono miscelare alla farina di banana verde per preparare dolci o dessert.  

Le foglie possono essere consumate fresche hanno un sapore neutro, né speziato, né acido, né amaro.

Sono morbide, facili da masticare e possono essere consumate in insalate, come ripieno, per preparare frittate, stufati, zuppe o come una normale verdura.

 

 

Letture e prodotti per approfondire l’argomento

 

Test Autodiagnostico per Intolleranze Alimentari - Food Detective Test Autodiagnostico per Intolleranze Alimentari – Food Detective
Facile da utilizzare e con risultati immediatiCompralo su il Giardino dei Libri

Con poche gocce di sangue, in soli 40 minuti, si può verificare la presenza di intolleranze a 46 gruppi di alimenti, per un totale di 52 alimenti.

Il check up fornisce consapevolezza della qualità delle abitudini alimentari, identificando l’eventuale abuso di certi alimenti, utile punto di partenza per intraprendere un nuovo percorso alimentare.

Food Detective Test è in grado di analizzare la reazione che deriva dall’assunzione di cibi.

Cibi

Latte vaccino, grano, grano duro, glutine, lievito.

Avena, riso, mais, segale, mandorle, fagioli brasiliani, anacardi, tè, noci, latte vaccino.

Uova intere, pollo, carne, agnello, manzo, maiale, mix pesce bianco (eglefino, merluzzo, platessa), mix pesce acqua dolce (trota, salmone), tonno, mix frutti di mare (gamberi, aragosta, granchi, cozze).

Broccoli, cavolo, carote, porri, patate, sedano, cetrioli, peperoni (vari colori), mix legumi (piselli, lenticchie), pompelmo, mix melone, arachidi, semi di soya, semi di cacao, mele, ribes nero, olive, arancio, e limone, fragole, pomodoro, zenzero, aglio, funghi.

 

Il Grande Libro delle Proteine Vegetali Il Grande Libro delle Proteine Vegetali
Proprietà, virtù e ricette
Anne Dufour, Carole Garnier, Marie BorrelCompralo su il Giardino dei Libri

“Il Grande Libro delle Proteine Vegetali” ti farà scoprire che la natura è in grado di offrirti tante proteine vegetali sane, gustose e nutrienti.

Se sei alla ricerca di un ottimo manuale dal quale trarre spunti utili e originali sull’alimentazione naturale, questo è il libro che fa per te!

Come dimostrato da recenti studi scientifici, il consumo di proteine vegetali è molto salutare per l’organismo.

Queste proteine infatti, a differenza di quelle animali, riducono il rischio di ammalarsi di certe tipologie di cancro, combattono l’invecchiamento precoce sia fisico che mentale, contrastano innumerevoli patologie e favoriscono la longevità.

Cosa chiedere di più?

 

 

 

 

 

NB  Il testo italiano non è perfetto perché è stato adattato a Google Traduttore e Balabolka.

@DrTraverso  titolare del  Copyright 2017  

Disclaimer

Fonte

Valutazioni nutrizionali 

Effetti metabolici e composizione 

Barbados gooseberry

Valor nutritivo e análise sensorial de pão de sal adicionado de Pereskia aculeata 

Caracterização química e nutricional da farinha de ora-pro-nóbis